IT | EN
logo

sanitari detersione e igienizzazione

BAGNO

 

SANITARI DETERSIONE E IGIENIZZAZIONE

 

D: in un prodotto per l'igiene del WC che contiene agenti probiotici: vorrei capire che efficacia possono avere questi agenti probiotici nella formulazione del prodotto e quali sono gli effetti sull'ambiente del loro utilizzo. Secondo l'azienda produttrice agiscono "creando un biofilm, aiutano a proteggere il wc dall'insediamento dei batteri". Il loro utilizzo può causare problemi a livello ambientale, cioè alterazioni a livello microbiologico o altro?

R: Io non credo affatto alla storiella del biofilm. Noto invece l'uso di tensioattivi con addirittura 9 molecole di ossido di etilene, quindi tanto petrolio. C'è poi un cessore di formaldeide (Bronopol) e sostanze fortemente allergizzanti. Insomma è un disastro.  I probiotici non fanno nulla! Talmente nulla che sono solo uno spreco. Quello che fa male all'ambiente sono i cessori di formaldeide, gli etossilati, ....... cioè tutte sostanze con una elevata tossicità per gli organismi acquatici.

 

D: HO una doccia posta in taverna con scarsa ventilazione, per quanto accogliente,in essa c'è una tavola di  legno che si annerisce e puzza di muffa e per quanto pulisca la doccia e la tavola (questa anche con un goccio di varechina lo ammetto),torna nera ...Il mio quesito è:  possibile che la muffa "passi" alle piastrelle dato che me la ritrovo nelle fughe,o è una fantasia?Quanto alla tavola se la lavo bene e la espongo al sole asciuga bene e torna chiara ma come detto il prolungato contatto con l'acqua la fa ridiventare pietosa...Se elimino la tavola avrei meno muffa nelle fughe?Mi spiacerebbe buttare la tavola (10 anni fa la pagai sugli 80 euro),inoltre avrebbe il suo impatto ambientale:c'è un modo di pulizia alternativo alla varechina?

R: la muffa può tranquillamente passare da un oggetto all'altro. Se le condizioni di umidità e temperatura sono quelle ideali la propagazione sarà rapida.
Una candeggina gentile, acqua ossigenata in diluizione acquosa, da lo stesso risultato dell'ipoclorito cioè della candeggina classica

 

D:  WINNI'S bagno spray 500ml

AQUA
ALCOHOL
DECYL OCTYL POLYGLUCOSE (dicono tensioattivo di origine vegetale ma non lo trovo)
LAURYL POLYGLUCOSE
AMIDO ANFOTERO MODIFICATO (non lo trovo, credo sia giallo)
SODIUM CAPRYLYL SULFATE (dicono tensioattivo di orgine vegetale ma non lo trovo)
SODIUM CITRATE
PARFUM
SODIUM CARBOXYMETHYL INULIN (non lo trovo ma dovrebbe esser verde)
CITRIC ACID
BENZISOTHIAZOLINONE (sostanza disinfettante necessaria in quanto è un prodotto per il bagno)
METHYLISOTHIAZOLINONE (conservante)

volevo sapere se può essere ritenuto un prodotto non inquinante sia pur ad azione igienizzante da usare nel bagno. Attualmente utilizzo il lisoform spray disinfettante, ma oltre al benzacloruro che disinfetta, contiene tensioattivi e altre sostanze chimiche.

R: Un prodotto contenente benzacloruro ha un impatto ambientale di decine di volte superiore a quello del prodotto che hai postato. Quindi è chiaro che si può fare di meglio ma per favore non mettiamo a confronto delle sostanze iper inquinanti con il formulato di cui stiamo parlando. La mia  posizione è che non serva sparare col cannone addosso ai batteri, basta una buona lavata per allontanare il 99,99% di microrganismi. Con un disinfettante, anche a base di benzalconio, sai quanti batteri allontani? Il 99,99%.

 

D: utilizzavo il tea tree oil per la pulizia dei sanitari, ma ho letto che per avere un effetto antibatterico del tea tree ne servirebbe una quantità spropositata. 
Arrivo al dunque: se pulisco i sanitari con la candeggina delicata posso stare tranquilla o devo aggiungere altro?

R: confermo che per pulire i sanitari di malaleuca ce ne vuole moltissima e poi non si riuscirebbe più ad andare in bagno per la puzza dell'olio dell'albero del te.
L'acqua ossigenata, vedi candeggina gentile, va benissimo, suggerisco anche trattamenti preventivi con solvay. 

 

D: I prodotti naturali intasano gli scarichi?
Le farine, le argille, gli henné, alla lunga otturano le tubature?
Nei comuni prodotti per l'igiene da super, ci sono degli elementi chimici che impediscono di formare il cosiddetto effetto tappo? Se esistono, immagino siano a pallino rosso...
C'è qualcosa di non inquinante da poter aggiungere ai nostri prodotti naturali per far sì che scorrano via facilmente?
Per liberare gli scarichi potrei usare bicarbonato e aceto? In che proporzioni e quantità affinché funzioni? Oppure l'aceto è sconsigliato visto che corrode i metalli?

R: Le tubature vengono intasate sia dai prodotti naturali che da quelli sintetici. Pensa alla zeolite, ad esempio, che è presente in moltissimi detersivi in polvere per lavatrice, è perfettamente insolubile e certamente qualche "tappo" lo può provocare.
Io penso che sia invitabile avere, a lungo andare, dei problemi. Se però usi l'accortezza di far scorrere un pochino d'acqua prima di gettare la poltiglia di farina e prosegui poi per qualche secondo eviti molti problemi, moltissimi. Ma la cosa più intelligente ancora è semplicemente di mettere queste pappe nell'umido e così vengono riutilizzate (per farci del concime) e non tappano nulla.
L'aceto è sempre e comunque da evitare se si hanno delle tubature metalliche, se sono di plastica allora no problem.

 

D: Vorrei sapere per disinfettare WC  in che quantità si può usare l’acido citrico'? 
R: Per il WC una soluzione al 5 o al 7% di acido citrico in acqua è ideale. 
 

Seguito D: In che altri casi (oltre WC) si puo' utilizzare l'acido citrico per le pulizie e in che dosi? 
R: Usa sempre la tua soluzione al 20% di acido citrico in acqua e vai bene su tutte le superfici salvo quelle di marmo che si rovinerebbero. 

D: Curiosita' l'acido citricosi può usare in lavastoviglie anche se in casa ci sono bambini piccoli? 
R: Certo non vedo perché no. 

 

D:  Uso detergente igienizzante anticalcare fai da te per il bagno (174 gr acqua ossigenata a 130 volumi, 692 gr acqua distillata, 50 gr acido citrico in cristalli, 80 gr detersivo piatti, 4 gr xanthana) da tempo...questa ricetta rovina le cromature della tavoletta del wc?  A casa mia sono tutte "spellate" dai vari cif bref ecc degli anni passati e prima di cambiarle volevo rassicurazioni sul loro destino!
R: Più che dal detergente credo che la "tenuta" delle cromature dipenda dalla qualità delle stesse

 

D: Come posso pulire le intercapedini poste tra le zone di scorrimento delle porte scorrevoli del box doccia? Si forma una schifosissima melmina scura ed è impossibile rimuoverla con una spugna se non si hanno dita grandi quanto quelle di una bambolina... quindi ho bisogno di qualcosa da spruzzare e sciacquare e che non sia complicato da preparare, non ho ancora prodotto nulla ... chiedo troppo?  NON ho problemi di calcare.

R: Quella roba lì è un insieme di depositi di sapone e di aspergillus niger. Se ci spruzzi sopra dell'acqua ossigenata se ne vanno. 

 

D: Per fare una soluzione al 5% avendo perossido d'idrogeno a 130 volumi, partendo da un litro di questa, quanta acqua demineralizzata debbo aggiungere? L’'uso che ne farò è disinfettare il box doccia o zone simili, (scusa ma la calcolatrice non mi aiuta molto) 
R:  Semplice devi usare il 15% di acqua ossigenata a 130 volumi per ottenere una soluzione al 5%. In altre parole prendi 150 millilitri di acqua ossigenata a 130 e ci aggiungi 850 millilitri di acqua distillata ed otterrai la soluzione al 5% che desideri.Se vuoi avere un'azione più potente invece che 150 millilitri di acqua ossigenata ne metti 250 ml


seguito D: Posso utilizzare anche l'acqua del rubinetto per diluire l'acqua ossigenata 130 volumi a patto di utilizzare immediatamente la soluzione? 

R: Certamente sì.

D: La soda solvay non riesco a trovarla nei supermercati, trovo solo Solvay bicarbonato che credo non sia la stessa cosa... Dove la posso acquistare?
R: Il bicarbonato NON è la stessa cosa della soda solvay. La puoi trovare nei negozi di drogheria ma a me risulta che anche molti supermercati la tengano.

D: Il cucchiaino di soda solvay in aggiunta all'acqua ossigenata diluita va bene anche se il recipiente è da 25 litri? 
R:  La dose è per un litro, se i litri aumentano, aumenta anche il dosaggio.

Licenza Creative Commons

Chi c’è dietro il logo EcoBioControl?

Scopri il logo

Il Vecchio BioDizionario sparisce ed al suo posto nasce EcoBioControl

EcoBioControl

Molti di voi magari pensano che l'enorme lavoro tecnico che richiede e richiederà EcoBioControl, sia frutto del mio impegno. Sì, è vero che per molto tempo, anni, ho gestito da solo il database con le...
read more