Scegli la lingua: IT | EN | FR | ES | AR
logo
  • 19.06.2023

Criteri Ecolabel per il tessile: deludenti

Articolo di Peter Malaise, amico del sito, collaboratore di Fabrizio zago e esperto di sostenibilità ambientale.

 

Gli attivisti dicono che la nuova etichetta ecologica dell'UE sull'impatto ambientale dei tessili non è abbastanza rigorosa (The Guardian 14.10.2021). Il sistema di valutazione sviluppato nel 2013 è fuorviante, obsoleto e non in linea con gli obiettivi climatici dell'UE, questo sostiene la campagna Make the Label Count.

 

Le fibre provenienti da materie prime fossili, come poliestere, acrilico e nylon, ricevono un punteggio significativamente migliore rispetto alle fibre provenienti da materie prime rinnovabili (come canapa, lino, cotone, lana, seta e ramiè) a causa delle regole incomplete del sistema attuale, secondo Dalena White della International Wool Textile Organisation. Questo perché tre aspetti essenziali sono stati omessi dalla valutazione:

  • * la rinnovabilità delle materie prime,
  • * la degradabilità alla fine dell'uso,
  • * il contributo all'inquinamento da microplastiche.

La domanda allora è: l'industria ha avuto un ruolo in tutto questo? Gli sceicchi del petrolio, i produttori di fibre sintetiche, i produttori di abbigliamento, le catene di negozi?

 

Tutto questo ha lo stesso cattivo sapore che avevo percepito quando è stata sviluppata l'etichetta ecologica per i detergenti, a partire dal 1993. Ho partecipato al comitato ad hoc per questa etichetta, e l'industria dell'epoca – all'epoca molto più grande e potente di quella tessile – fece di tutto per ostacolare l'iniziativa. Gli argomenti più insensati sono stati usati per contrastare l'etichetta e trasformarla in un guscio vuoto. I primi ad essere colpiti sono stati gli esperti impegnati del Ministero dell'Ambiente tedesco: sono “caduti”, cioè sono stati promossi.

 

L'etichetta non doveva essere più severa della legislazione esistente (troppo permissiva). Tutte le proposte successive furono scartate dai rappresentanti dell'industria: i consumatori erano troppo stupidi per capire la complessità della materia, quindi non ci dovevano essere troppe informazioni sulle etichette – e non c'era spazio per questo. Alcune materie prime petrolchimiche sono state approvate in plenaria senza alcuna discussione. Abbiamo preso posto e siamo rimasti a guardare.

 

Nel 2003, il risultato di tutto questo è stato triplice:

  • Dieci anni dopo l'inizio, non un solo prodotto di lavaggio o di pulizia aveva un'etichetta ecologica UE;
  • Gli amministratori dell'UE sono venuti nell'azienda dove lavoravo all'epoca e hanno chiesto se avevamo ancora un file completo sul progetto, per la festa di anniversario, perché il loro era scomparso dopo un trasloco...
  • ...e ancora oggi non è facile trovare le informazioni complete sui detergenti e i prodotti di pulizia con un marchio ecologico dell'UE nel formato giusto, e spesso non senza identificarsi, il che è illegale.

Inoltre, l'etichetta ecologica dell'UE per i detergenti e i prodotti di pulizia rimane una iniziativa molto “cartacea” e poco reale.

  • Dopo 28 anni di etichetta ecologica dell'UE, non c'è ancora un requisito per le materie prime rinnovabili, né un divieto, anche solo graduale sull’eliminazione delle materie prime fossili,
  • Sono ancora permesse decine di molecole che non sono accettabili dal punto di vista della salute e dell'ambiente,
  • Manca ancora il requisito sulla biodegradabilità totale,
  • Nessuno controlla mai! l'etichetta viene assegnata e rinnovata sulla base di documenti, un test di pulizia pasticciato e un test di biodegradabilità minimo.

34 anni dopo il rapporto Brundtland “Il nostro futuro comune”, non si lavora ancora sullo sviluppo sostenibile. Una scadenza dopo l'altra, una regola dopo l'altra, le regole vengono stiracchiate ed edulcorate troppo.

 

L'etichetta ecologica dell'UE per i tessili sembra essere nella stessa lunghezza d’onda: nessuna materia prima rinnovabile e nessuna degradabilità richiesta, in primis c'è l'inquinamento accettato con le microplastiche - mentre ci può essere un approccio completamente diverso.

Ancora più di prima, la terribile situazione ambientale ci costringe ad abbandonare la mancanza di senso di responsabilità del XX secolo e a considerare non solo quello che facciamo, ma anche come lo facciamo. Questo non è diverso per i prodotti tessili e le fibre con cui sono fatti, che per altri prodotti di consumo.

 

Dagli anni '50, l'attuale materia prima principale per i tessili è il petrolio fossile; in piccola misura, altre materie prime fossili come il carbone e il gas naturale. Ma le materie prime fossili sono limitate, non crescono e non possiamo produrle. Inoltre, siamo riusciti ad esaurire la base di risorse fossili dopo circa 200 anni di utilizzo.

 

L'intero modello di comportamento è volto a giustificare una situazione inaccettabile esistente e a vendercela come “normale”, anche con un bel bollino di certificazione; scambiare fischi per fiaschi. A cosa serve un'etichetta ecologica se non fa altro che confermare una situazione già critica? Mi ricorda un noto personaggio del vaudeville del XIX secolo, il borghese Joseph Prudhomme. Dichiarava invariabilmente: “C'est mon opinion, et je la partage!”. – “Questa è la mia opinione, e sono d'accordo!”. Puro esercizio dialettico, un sacco di bla-bla e poco boom-boom, secondo Greta Thunberg.

 

Che un gruppo di persone finalmente si alzi e dica: adesso basta! O un'etichetta tessile con criteri seri – o nessuna etichetta. È come nella fiaba il re è nudo…….

Licenza Creative Commons

Chi c’è dietro il logo EcoBioControl?

Scopri il logo

Il Vecchio BioDizionario sparisce ed al suo posto nasce EcoBioControl

EcoBioControl

Come avevamo previsto da molto tempo, dare dei voti ad un cosmetico conoscendone SOLO la composizione qualitativa non è né possibile né corretto. A questo indirizzo QUI trovate le motivazioni. read more