IT | EN
logo

sapone solido

CORPO

DETERSIONE SAPONE SOLIDO

 

D: lo compro il sapone di marsiglia, lo grattugio e lo mando in soluzione con acqua per fare il marsiglia liquido), meglio che mi lavi con la saponetta intera o può andare bene?

R: Le mani sì ma il resto del corpo no! E lo stesso vale per la soluzione di scaglie di sapone più bicarbonato che, secondo me, alla fine non è più sapone e quindi non solo non lava ma avendo liberato gli acidi grassi del sapone, sporca.
Il pH della pelle è acidulo mentre quello del sapone è basico e le due cose assieme non vanno bene. Per niente. Meglio un buon sapone liquido a pH fisiologico.

D: Posso chiedere quale sarebbe il ph indicato per un detergente zona ascellare?
Io utilizzo un sapone per mani ma ho il dubbio che non sia corretto….

R: Lavarsi le ascelle con un sapone solido è un autogol perfetto. Usando una saponetta si altera il pH della zona ed i batteri si scatenano generando cattivi odori. Molto meglio un detergente a pH basso. L'ideale è un detergente intimo.

D: Secondo te sbaglio ad usare la saponetta sul corpo..?

R: Io sostengo di SI! il sapone è un detergente che risale alla notte dei tempi, credo sia il "cosmetico" più antico. Dalla notte dei tempi qualche passo in avanti lo abbiamo fatto, non sempre in meglio, sono d'accordo, ma alcune cose assodate ci sono: il sapone, qualsiasi tipo, anche il più esotico, ha un pH leggermente alcalino (9- 10) mentre la nostra pelle ne ha uno acidulo (5,5) quindi non ci siamo ed ogni volta che ci laviamo la pelle scombiniamo l'equilibrio della pelle. E' per questo che poi la pelle è secca, "tira" eccetera, insomma non è il migliore modo per lavarsi. Il sapone dovrebbe essere usato solo in zone del corpo resistenti come le mani ed i piedi ed allo stesso tempo si dovrebbe evitare di usalo sul viso e parti intime. D'altra parte è certissimo che ecologico come un sapone non ci sia praticamente nulla, non i saponi liquidi realizzati con sostanze comunque di sintesi.
In conclusione il sapone è ecologico ma non è il massimo per la pelle mentre i liquidi sono ok per la pelle ma inquinano. Probabilmente il giusto compromesso è un sapone liquido in ricarica, in questo modo otteniamo il massimo oggi possibile.

Segue D: Quindi qualsiasi sapone liquido ha un ph adatto alla pelle? Oppure occorre sempre verificare sulla confezione se c'è il ph?

R: No! Non è vero che tutti i saponi liquidi abbiano il pH a 5,5, occorre verificarlo sia leggendo l'etichetta che eventualmente proprio misurandolo

D: E' arrivato il caldo e come ogni anno ritorneranno i funghetti sulla schiena! Sto molto attenta alle misure igieniche, ho detto addio a fibre sintetiche, spugne lasciate umide, accappatoio, come detergente uso il sapone di marsiglia comprato in un negozio bio. Evito di usare creme idratanti…faccio bene o sto aggredendo troppo la cute?

R: Malissimo tutto, idratare la pelle è la cosa migliore che tu possa fare per mantenerla giovane ed elastica. Se una pelle è sana ed equilibrata i funghi hanno molte meno possibilità di trovare le condizioni per impiantarsi. Sul sapone abbiano già detto.

D: Per la mia esperienza, per il corpo la migliore saponetta è la Extravergin di La Saponaria pochissimi ingredienti, poca schiuma e un effetto davvero molto delicato . Chi è appassionato di saponette non se la lasci sfuggire!
Inci: sodium oleate, aqua, glycerin

R: ..........e ci credo che è buona! Guarda che INCI!

D: Cosa pensi del sapone di Aleppo?

R: Il sapone di Aleppo è un normale sapone, normalissimo e non si capisce perché sia migliore di un altro. Se l'importatore me lo dimostra (che è migliore di un altro sapone) ritiro tutto. Ma ad oggi nessuno è stato in grado di dimostrarlo. Le foglie contengono (seppur piccole) quantità di acido cianidrico. Ora io dico che l'utilizzo di olio di alloro è proibito in EU ed il motivo è appena stato detto. Io poi dico anche che un sapone già pronto all'uso e proveniente dalla città di Aleppo, può tranquillamente essere venduto in EU.
Non acquisterei mai un sapone di Aleppo non perché non sia legale ma perché penso agli operai di Aleppo che lavorano con questo olio tossico. Non voglio avere sulla coscienza una malattia contratta da un siriano solo perché il sapone di Aleppo "va di moda". E' un sapone come un altro ma questo qui qualche problema lo può dare ed io non distinguo tra un bianco ed un nero, tra un europeo ed un siriano. Tutti uguali siamo.

D: E’ vero ,come dicono i produttori di sapone, che non è un problema il ph grazie alla forte diluizione con cui si usa il sapone?

R: Non è vero che un sapone si usi molto diluito. Al contrario si usa "direttamente" sulla pelle con una diluizione minima.

D: E’ possibile abbassare il ph dei saponi prodotti in casa per renderli adatti all'uso sulla pelle (anche rendendo una saponetta liquida prima dell'uso)?In questo caso i batteri ci vanno a nozze?

R: Non è possibile abbassare il pH di un sapone perchè si romperebbe, si disintegra il sapone. I batteri temono sia un pH alto che basso, quindi l'affermazione riportata è priva di senso.

D: Soffro di psoriasi diffusa su tutta il corpo in piccole chiazze, avrei una domanda da porre:
vorrei sapere,in che percentuale di olio di alloro è meglio usare il sapone di Aleppo per questa patologia. Cioè, è meglio un sapone che contenga più olio di alloro o meno?

R: Sarà che non sono un dermatologo ma il sapone, d'Aleppo o no, mai e poi mai lo userei su chi soffre di psoriasi.

D: Mi permetto di provare a consigliare un piccolo stratagemma che su di me funziona molto bene per evitare che il sapone secchi la pelle delle mani: pelle bagnata, olio (di jojoba o extravergine di oliva sono quelli che ho provato io) massaggiare bene e poi lavare con il sapone che si vuole. Fabrizio, sgridami pure se ho scritto cose insensate!

R: Ottimo, davvero ottimo! Tu stai disegnando il nuovo confine della cosmesi e cioè la cosmesi "omeotropica". Tranquilla che fra qualche anno staremo qui a parlare solo di questo.

D: Causa lavaggi frequenti, ho sempre la pelle delle mani molto secca, non c'è sapone che non crei danni alle mie mani. Con quelli tradizionali si secca talmente la pelle del dorso da sanguinare, con quelli eco-bio compaiono tagli ed eccessiva secchezza sui palmi: l'ho risolto aggiungendo 200 ml di glicerina in 500 ml di sapone mani (antico sapone di marsiglia Tea Natura), colgo l'occasione per chiederti gentilmente se l'aggiunta di glicerina sia una soluzione per specifici saponi o per tutti i saponi che già la contengono (ed in che quantità).

R: NON può essere una ricetta universale perché ognuno si deve trovare la sua strada ma certamente male non fa e qualsiasi sapone può essere integrato con glicerina. Bisogna vedere quanto ce n'è normalmente di glicerina in un prodotto. Io direi che si tratta sempre di quantità minime, attorno all'1%, i 200 ml sono una proposta ma si può calare fino a quando il prodotto non dimostra le sue caratteristiche. Insomma che vada bene a te.

Segue D: Noto che però non fa schiuma come invece succede con il solo sapone, è normale?

R: Sì, è normale. ma lava bene lo stesso; la glicerina non diminuisce assolutamente il potere lavante. 

R: Mi hanno regalato delle saponette israeliane fatte con sali del mar morto, sulle quali c'è scritto 'rivitalizza e ripristina il ph naturale della pelle', questi sono gli ingredienti (in cui ci sono un paio di bollini gialli da biodizionario):
corn starch, potassium lauryl sulfate, disodium lauryl sulfosuccinate, cetearyl alcohol, stearic acid, purified water, maris salt, parfum, dioctyldodecyl luoroheptyl citrate, titanium dioxide, phosphoric acid
ho sciolto la saponetta di 100 gr, perché la preferisco liquida, con 500 ml di acqua distillata ed è venuta una piacevole crema che stiamo usando per lavare le mani, vorrei sapere se è possibile usarlo anche come docciaschiuma

R: Questa NON è una saponetta ma un syndet (per inciso in Israele c'è la più grande fabbrica al mondo di syndet). Che possa ripristinare il normale (acidulo) pH della pelle ci credo. Può essere un ottimo sapone liquido, un doccia o tutto quello che vuoi.

D: Ho un dubbio: ho spedito tramite corriere alcuni prodotti ecobio (saponette, bagnoschiuma, oli e creme corpo) ad un'amica che vive all'estero. Mi ha detto che quando ha aperto il pacco erano bollenti! In effetti, era da stamattina che erano in consegna e il corriere è arrivato alle 7 di sera. Addirittura le saponette erano diventate tanto morbide da lasciarci l'impronta!
Mi chiedevo se il calore e l'alta temperatura possono aver alterato i prodotti, oppure se li può usare tranquillamente.

R: La nuova normativa vigente in campo cosmetico obbliga i produttori a sottoporre i propri prodotti a dei test di stabilità. Tra questi c'è anche la tenuta ad elevate temperature. Quindi se i prodotti sono stati fatti seguendo le leggi, non ci sarà nesssun problema. Se invece mostrano segni di alterazione allora vuol dire che sono stati fatti ad di fuori delle leggi e quindi io non li regalerei a nessuno non perché sono mollicci ma perché sono fuori legge

Segue D: Quindi, se ho capito bene, se non mostrano segni di alterazione (odore strano, separazioni, ecc) li può usare tranquillamente. In caso contrario è meglio evitare perchè c'è qualcosa che non torna?
Riguardo al sapone, è normale che essendo stato per lungo tempo ad una temperatura elevata l'abbia trovato così morbido oppure questo è segno di scarsa qualità?

R: No, NON ci devono essere né separazioni né strani odori ed il sapone deve essere duro. Se queste condizioni non vengono rispettate significa che chi li ha prodotti non è in linea con la Legge vigente. Un prodotto separato deve essere riportato al commerciante dicendo che vogliamo indietro i nostri soldi dato che la separazione, a temperature "normali" non deve esserci. Punto e stop.

Licenza Creative Commons

Chi c’è dietro il logo EcoBioControl?

Scopri il logo

Il Vecchio BioDizionario sparisce ed al suo posto nasce EcoBioControl

EcoBioControl

Elena è rimasta colpita dalla prima parte della nostra discussione sull'Olio di Palma e sulle problematiche inerenti. Ha deciso di dare il suo contributo e di questo la ringraziamo. Eccolo:   Olio di ...
read more