IT | EN
logo

Farine, argilla, ghassoul, erbe lavanti, detergente intimo

VISO

DETERSIONE  FARINE, ARGILLA, GHASSOUL, ERBE LAVANTI, DETERGENTE INTIMO

 

D:  Cosa ne pensi dell'amido come detergente viso? Già lo uso per il mio bimbo così ho pensato di provarlo anche sul viso: ne faccio una pappetta con un po' d'acqua, la pelle risulta bella, ma vorrei capire se in qualche modo lava via lo sporco (vivendo a Milano e andando molto in bici purtroppo sulla faccia se ne deposita molto!)

R: E' vero! Le farine assorbono lo sporco e quindi svolgono la funzione desiderata.
In realtà è più corretto dire "Pulirsi" il viso e non "lavarsi". Perché le farine e quindi gli amidi puliscono senza detergere. E' la forma omeotropica di pulirsi cioè il contrario della tecnica allotropica che usa tensioattivi. Mi spiego meglio: lavare significa che si usano dei tensioattivi cioè delle sostanze che emulsionano lo sporco e lo trascinano via grazie all'acqua. Certamente adesso la pelle ma anche una superficie qualunque sarà pulita.
Se lo stesso sporco lo assorbiamo con una farina l'abbiamo "lavata"? No! Perché non abbiamo usato né i tensioattivi né l'acqua ma abbiamo solamente spostato lo sporco dalla pelle alla farina. Il risultato è lo stesso? Sì! E' lo stesso solo che in un caso abbiamo pulito lavando, nel secondo abbiamo pulito assorbendo lo sporco.

 D: Ho letto che le farine di cereali sono ricche di sostanze emulsionanti e possono essere usate per la pulizia del viso, mi piacerebbe molto avere un tuo parere in merito:
"....Per preparare detergenti naturali si utilizzano soprattutto avena, grano saraceno, e farine di legumi, in particolare di ceci e lenticchie.
Al mattino, quando lo sporco da rimuovere consiste in residui di creme e sebo, è possibile utilizzare un cucchiaino di amido di riso per la pelle normale, di farina d'avena per la pelle secca, o di argilla verde per pelle grassa, miscelato in poca acqua. Il composto va massaggiato sulla pelle e risciacquato con acqua.
La sera, per rimuovere trucco e sporco, si possono usare farine di semi oleosi come mandorle, sesamo o girasole, particolarmente delicate e restitutive perché ricche di grassi simili al sebo; .
Per la preparazione di detergenti per pelle delicata o infiammata, meglio optare per l'amido di riso.

R: Concordo sostanzialmente con le affermazioni riportate. Se poi si deve "lavare" veramente, beh un detergente delicato e bio si puoi trovare, ne sono certo. E poi attenzione, le farine ingorgano gli scarichi!

D: Soffro spesso di dermatiti molto fastidiose e il lavaggio con sapone accentua il mio problema. Ho quindi cominciato ad alternare il sapone con la farina di avena: per evitare il più possibile contaminazioni e alterazioni ne metto piccole dosi in uno di quei dosatori in vetro che di solito si usano per lo zucchero nei bar. La uso per il viso (a meno che non mi sia truccata: in questo caso servono altri tipi di lavaggio) e, in generale, per le mani.
Personalmente ho riscontrato benefici per quanto riguarda i problemi di secchezza della pelle e relativi attacchi di dermatite.

R: Beh, che dire? Tutto benissimo. Complimenti. Ciao e grazie per la tua testimonianza.

D: Ho provato a pulire il viso col grano saraceno e volevo qualche delucidazione: ho la pelle cosiddetta "mista" ma devo dire che l'uso della farina non mi ha irritato per niente, anzi la pelle non "tira" ed è particolarmente morbida. Però mi è sorto il dubbio se a lungo andare la farina essendo così fine potrebbe ostruire i pori. Il mio utilizzo avviene così: bagno leggermente il viso, prendo un pò di farina e formo una pappetta con i palmi delle mani, l'applico sul viso e risciacquo (tra l'altro è pure veloce da farsi!!).

R: Con la tecnica applicativa che hai adottato nessun problema di ostruzione. Continua così.

D: Ho letto che le saponine sono molto inquinanti per l'ambiente acquatico, quindi alcune erbe lavanti indiane ho deciso di non utilizzarle poiché le contengono. Ma lo stesso si può dire per l'argilla ghassoul e la farina di ceci? Perché anche loro contengono saponine. Dipende forse dalla percentuale contenuta nel prodotto?

R: L'argilla ghassoul è una sostanza inorganica e quindi NON può contenere saponine di nessun genere. La farina di ceci neppure se non in quantità omeopatica. Le saponine pericolose perché presenti in grande quantità sono quelle presenti nelle noci del sapone che dei commercianti senza scrupoli hanno distribuito in ogni dove. Hanno chiuso l'attività? Sono scappati all'estero? No, adesso sono qui a venderci i microrganismi efficaci per lavare i panni e non lavano proprio nulla!!!

D: Vorrei provare farina d'avena + qualche olio sul viso, bisogna mettere il tonico dopo (uso acqua e aceto) oppure no?

R: Acidificare leggermente pelle e capelli va sempre bene.

D: Dici che la farina di ceci sia indicata per lavare il viso, anche se non ho una pelle grassa?
vorrei un lavaggio delicato la mattina, meglio la farina di ceci o il sapone?

R: Ma la farina!!!! Certamente la farina.

D: Cosa distingue un'erba lavante da una non lavante? Quali sono quelle cosiddette "lavanti"?

R: Nessuna erba ha proprietà detergenti salvo, forse, la saponaria officinale ma le saponine presenti sono poche, dalle scarsissime proprietà detergenti e soprattutto sono molto tossiche per gli organismi acquatici. Chi usa i derivati della saponaria officinale NON è mio amico.

D: Ti chiedo gentilmente, quale secondo te sia il miglior trattamento detergente da farsi prima dell'applicazione della crema. Al momento io uso solo acqua e niente altro, se dovessi passare al siero o alla crema, credi che l'acqua possa bastare o sarebbe preferibile altro ? A tuo avviso tra l'amido di riso, olio, detergente intimo, latte e tonico, per una pelle difficile quale soluzione sarebbe più indicata ?

R: Senza nessun dubbio il prodotto da prediligere è l'intimo.

D: A proposito di detergente: tutte le cose con tensioattivi mi tirano, tutte le cose delicate (acqua micellare, farina, latte detergente) mi fanno venire impurità. Col sapone va più o meno bene (anche quello un po' tira). La cosa che la mia pelle ama di più è l'argilla in ogni sua forma ma non posso fare una maschera ogni volta che devo lavare la faccia…

R: In casi come il tuo la soluzione migliore è non fare nulla cioè lasciare la pelle respirare, riequilibrarsi in maniera spontanea. Ma è ovvio che serve anche un minimo di igiene ed allora quello che consiglio sempre è di usare un buon detergente intimo. Siccome i formulatori sanno che devono realizzare dei prodotti super delicati, lo si può usare per tutto, sia per la funzione principale ma anche come sapone liquido, shampoo eccetera. Molte persone hanno risolto problemi enormi con questa tecnica, invece che cercare, sulla carta il detergente super delicato, ci si rivolge ad una categoria di prodotto che delicato lo deve essere per forza. Molto semplice no?

  1. Ho la pelle grassa e dopo una lunga ricerca ho deciso di struccarmi con sapone intimo e acqua tiepida. Mai avuto risultati migliori però ho un dubbio: i detergenti intimi spesso hanno un ph acido, non c'è rischio che sulla pelle del viso sgrassino un pochino troppo e che risultino leggermente aggressivi?

R: Ottima scelta…. Tranquilla, sgrassa molto di più un detergente basico (come un sapone solido, ad esempio) che uno acido. E poi, come è stato detto, il ph della pelle è acidulo quindi non ci sono problemi.

D: Se un uomo compra un detergente intimo si accorge che il produttore lo fa solo per la donna. Avendo un ph diverso rispetto a quello di una donna non sarebbe poco indicato?

R: Le differenze di ph sono così piccole che il nostro organismo le assorbe senza battere ciglio. Il problema è quando usi un sapone a ph 10 che puoi avere dei problemi.

D: Scrivo per la pelle del mio viso: non riesco ad uscire dalla condizione di pelle asfittica: è molto delicata e reattiva, con brufoli più importanti su fronte e mento, altri più piccolini sulle guance. Ho molti punti neri, difficili da togliere (soprattutto sulla zona t). Fronte e mento sono lucidi e untuosi, e soprattutto sulle guance ho delle microcisti sottocutanee. Effettuo regolare pulizia con panno micropeeling, maschere depuranti, la sera applico olio di vinaccioli. Di giorno, posso applicare solamente il siero, perché la mia pelle rigetta e trasuda qualsiasi crema, e gli olii ci mettono almeno 2 ore ad assorbirsi.

R: Ma non ti viene in mente che di sostanze grasse la tua pelle ne abbia abbastanza di suo? Se continui ad aggiungerne è ovvio che vai in saturazione e queste povere creme non sanno più dove andare. Io farei esattamente il contrario di quello che fai tu in questo momento e cioè userei per lavarmi solo un buon detergente intimo. Come tonico, struccante e base del latte vaccino intero. Occhio all'alimentazione (escludere immediatamente il latte di cui sopra ma bevuto) e quando la situazione si sarà normalizzata potrai ricominciare, lentamente, a dosare poca, pochissima crema. Quanta? Quella che la tua pelle riceve di buon grado. Non preoccuparti che il tuo corpo ti dirà tutto.

D: Mio figlio, a detta della dermatologa, soffre di dermatite seborroica, ha un pò di brufoli sul cuoio capelluto, sulla fronte, sul naso e un pò di forfora, sta usando solo il detergente intimo Biokroll che ha ph 4 ,ritieni che per la detersione del viso possa andare bene o sarebbe preferibile un detergente a ph 5,5 (come lo shampoo antiforfora Biokroll, che sta già usando)?

Questo è l’inci :Aqua, Cocamidopropyl Betaine, Sodium Methyl 2-Sulfolaurate, Disodium 2-Sulfolaurate, Glycerin (*), Sodium Lauryl Sulfoacetate, Cetyl Betaine, Glyceryl Laurate, Glyceryl Caprylate/Caprate, Betula Alba Leaf Extract (*), Cananga Odorata Flower Oil (*), Tocopheryl Acetate, Parfum (**), Phenoxyethanol, Benzoic Acid, Dehydroacetic Acid, Ethylhexylglycerin, Lactic Acid.
L'ingrediente " Betula Aba Leaf Extract " è a doppio pallino rosso, è passabile ? Personalmente uso questo detergente e non posso che tesserne le lodi.

R: Il prodotto che stai usando adesso va benissimo, semmai dovresti farlo diventare ancora più delicato ad esempio allungandolo con acqua.

D: Un prodotto a ph 4,non coincidente quindi con quello di corpo, viso e capelli, può andare bene a chi si trova con un particolare problema o anche a chi ha pelle normale?

R: Io penso che tra un ph 4 ed un 5,5 ci sia così poca differenza che effettivamente la pelle si adatta molto velocemente e tampona l'acidità in eccesso. Se però mettiamo in confronto un sapone, qualsiasi sapone a ph 9,5 con una pelle a ph 5,5 ci sono ben 4 punti di differenza ed il ripristino del ph fisiologico non è così rapido, anzi.

D: Winni's Naturel Personal Care, detergente intimo, va bene per lavarsi totalmente? Capelli e viso compresi? Ph indicato è 4,5. Ecco l'inci

AQUA (solvente)
SODIUM LAURYL SULFOACETATE (tensioattivo)
SODIUM METHYL 2-SULFOLAURATE (Tensioattivo)
COCAMIDOPROPYL BETAINE (tensioattivo)
LACTIC ACID (agente tampone / umettante)
DISODIUM 2-SULFOLAURATE (detergente / tensioattivo)
ALOE BARBADENSIS LEAF JUICE* (emolliente)
CAMELLIA SINENSIS LEAF EXTRACT* (vegetale)
CORIANDRUM SATIVUM FRUIT EXTRACT* (vegetale)
TETRASODIUM GLUTAMATE DIACETATE (chelante)
MENTHYL LACTATE (rinfrescante / coprente)
PARFUM
SODIUM BENZOATE (preservante)
POTASSIUM SORBATE (conservante)

R: Il formulato suggerito è  davvero ottimo, con questo fai qualsiasi applicazione ti possa venire in mente!

D: Potresti gentilmente darmi un parere su questo detergente intimo dall'inci super corto e prezzo super basso? E’ il Natù di Officina Naturae, oltre al formato "base" ha ricariche da 1 o 4 litri molto convenienti (tra i prodotti bio). Purtroppo ha ph 4 (chiesto via mail in azienda) ed essendo io  in menopausa potrei utilizzarlo per shampoo/doccia/viso ma non anche per intimo. Questo è l’inci

Aqua,Cocamidopropyl Betaine Cocoglucoside, Xanthan Gum, Potassium Sorbate, Sodium Benzoate, Lavandula Angustifoglia oil, Citric acid.

R: Benissimo. Sulla carta, Adesso devi provarlo

D: Ho deciso di utilizzare il solo detergente intimo anche per viso e corpo. Potresti gentilmente darmi un parere su questi 4 che avrei in mente di provare e aiutarmi a scegliere ?(Ho 48 anni e sono in menopausa)

1.(Ecor calendula ph5-5,5) aqua, cocamidopropyl betaine, sodium lauroyl sarcosinate, sodium olive amphoacetate, sodium lauroyl glutamate, Cetraria islandica extract, *Calendula officinalis extract, sodium cocoyl hydrolyzed wheat protein, glycerin, lactic acid, *Citrus medica limonum oil, *Lavandula hybrida oil, linalool, Lonicera japonica flower extract, Lonicera caprifolium flower extract, sodium benzoate, benzyl alchool, potassium sorbate, sodium dehydroacetate.

2. (Ecor tea tree oil ph5-5,5) aqua, cocamidopropyl betaine, sodium lauroyl sarcosinate, sodium olive amphoacetate, aloe barbadensis gel, lactic acid, melaleuca alternifolia oil, sodium benzoate, potassium sorbate, benzyl alchool, sodium dehydroacetate, linalool

3. (Biofficina Toscana ph5) Aqua, Cocamidopropyl hydroxysultaine, Glycerin, Cocamidopropyl betaine, Sodium chloride, Sodium cocoyl sarcosinate, Sorbitol, Foeniculum vulgare extract*, Calendula officinalis extract*, Sodium olivamphoacetate, Lactic acid, Sodium dehydroacetate, Foeniculum vulgare oil, Cedrus atlantica oil, Sodium benzoate, Limonene, Linalool, Citral.

4.(Tea Natura malva ph 4,3) Aqua, Lauryl Glucoside, Glycerin, Malva Sylvestris Leaf Extract, Sodium Cloride, Melaleuca Alternifolia Leaf Oil, Cetraria Islandica Extract, Sodium Dehydroacetate, Citric Acid, d-LImonene.

R: Sicuramente il numero 2.
Il numero 1 ha troppi estratti, mi sa di tanto marketing e poco arrosto. Il 3 ha delle sostanze poco simpatiche per gli organismi acquatici (Cocamidopropyl hydroxysultaine) e il 4 un ph troppo basso per il doppio uso che ne vuoi fare tu.

D: Ti chiedo se il detergente intimo con questo ampio utilizzo, possa andar bene anche per chi soffre di dermatite seborroica?

R: Da quello che ne so io è l'unica soluzione sensata.

D: Detergente Base della  formato da 500ml a un prezzo solo un pochino più alto ma che mi sembra buono.. Io purtroppo sono quasi MCS a volte anche i prodotti dall'Inci tutto verde mi fanno male (sono alla ricerca di un tipo senza profumo e tea tree oil che mi irrita la pelle)

INCI: aqua, sodium cocoylglutamate, coco-glucoside, glycerin, xanthan gum, potassium sorbate, phytic acid, lactic acid, Benzyl alcohol. Ph 5

R: Mi dispiace molto per la tua malattia ma sai che siamo al tuo fianco per cercare, se ci riusciamo, a darti una mano. Volevo infatti dirti due cose. La prima è che il prodotto che hai postato va bene. L'unico dubbio è il potassium sorbate che è un ottimo e super eco, conservante ma che sta dando qualche reazione avversa sporadicamente. Quindi potresti tentare con questo prodotto ed in caso di irritazioni cambiare immediatamente andando su prodotti che non contengano questo preservante.
L'altra cosa che voglio dirti è che l'MCS è una cosa che mi sta a cuore e ci ho lavorato molto. Tra le altre cose ho collaborato a realizzare una gamma di prodotti che sono fatti a posta per chi soffre della tua patologia. Non solo non hanno profumi ma neppure conservanti o altre sostanze potenzialmente allergizzanti.
Proprio perché ho collaborato a questo lavoro non posso dirti, neppure sotto tortura, il nome dei prodotti perché sarebbe un insopportabile conflitto di interessi. Ma se cerchi .......

D: Purtroppo la pelle del mio viso ha un brutto passato, ho sofferto di acne dovuta a grossi sbalzi ormonali causati dalla tiroide, ho avuto molti brufoli ma anche cisti profonde che mi hanno lasciato belle cicatrici in evidenza e molte macchie. Ho anche tanti punti neri e pori dilatati nonostante tutto ciò faccia pensare ad una pelle grassa , la mia è mista e secca. Ormai avevo rinunciato a qualsiasi cura e quindi lavavo il viso solo con acqua e a volte con saponette tipo provenzali o Aleppo che mi ha dato problemi di brufoli..

R: Il sapone non mi pare molto indicato ,troppo aggressivo e troppo alcalino per una pelle problematica. Comunque mi sento di consigliarti un buon detergente intimo delicato per il viso oppure anche un pò di amido di riso con un pò di acqua… per pulire delicatamente il viso la parola d'ordine per la pelle acneica è delicatezza..

D: Uso il detergente intimo per viso, doccia e bagno, puoi darmi un parere sulla composizione di questi 2 prodotti?
Meglio al secondo posto il Lauryl Glucoside o il Cocamidopropyl Betaine? Il ph non è riportato.

Marca TEA NATURA
Aqua, Lauryl Glucoside, Glycerin, Malva Sylvestris Leaf Extract, Sodium Cloride, Melaleuca Alternifolia Leaf Oil, Cetraria Islandica Extract.

Marca ORGANYC certificato ICEA:
Aqua, Cocamidopropyl Betaine, Sodium Lauoryl Sarcosinate, Aloe Barbadensis Leaf* Juice, Lauryl Glocoside, Disodium Capryloyl Glutamate, Vaccinium Myrtillus Fruit* Extract, Calendula Officinalis Flower* Extract, Glycerin, Lactic Acid, Sodium Benzoate, Potassium Sorbate, Sodium Chloride.

R: Complessivamente a me piace più la seconda, la vedo più strutturata. Peccato per la betaina ma siccome il prodotto è certificato da ICEA, la quantità non può essere levata dato che la sua quantità è limitata.

D: Al mattino mi lavo con il mitico detergente intimo e poi termino con l'acqua di rose, la sera un pochino di Burro di Karitè: a me sembra che la pelle sia migliorata tantissimo ma non vorrei fare cretinate, tanto più che sono molto pigra quindi se mi dici che la cosa ha un senso continuo così, altrimenti non metto nulla...!

R: Continua così che va benissimo!

D: Vorrei sottoporre l'inci di questo detergente intimo (Tea Natura – Malva, Lichene e Tea Tree Oil 200 ml, ph 5,5 - 5,6 richiesto direttamente in azienda)

 INCI
aqua, lauryl glucoside, glycerin, malva sylvestris leaf extract, sodium chloride, melaleuca alternifolia leaf oil, cetraria islandica extract.

Che dici, posso stare tranquilla? Vorrei sapere se eventualmente posso usarlo anche per viso capelli, ecc. precisando che ho la pelle piuttosto secca.

R: Il prodotto va benissimo e lo puoi usare dappertutto. Parola d'onore. Il ph ottimale per un prodotto viso è 5,5 salvo che per gli occhi (contorno occhi ad esempio) che meritano un ph vicino a 7.

D: Per lavare il viso, sto usando il detergente intimo all'Avena di Bjobj, come ti sembra?

 inci: aqua (water), cocamidopropyl betaine, *avena sativa extract, sodium lauroyl sarcosinate, sodium oliveamphoacetate, *chamomilla recutita extract, glycerin, lactic acid, *melaleuca alternifolia oil, linalool, lonicera japonica (honeysuckle) flower extract, lonicera caprifolium (honeysuckle) flower extract, sodium benzoate, sodium dehydroacetate.

R: Questo prodotto è ottimo. Ce ne fossero tanti così. Complimenti per la scelta.

 

 

 

 

Licenza Creative Commons

Chi c’è dietro il logo EcoBioControl?

Scopri il logo

Il Vecchio BioDizionario sparisce ed al suo posto nasce EcoBioControl

EcoBioControl

Poiché la discussione sull'olio di palma e sui suoi derivati è un tema ricorrente, abbiamo deciso di dare qualche numero su cui riflettere e discutere. Si tratta di un tema molto delicato, sul quale è...
read more